Professor Rinaldi: «La regolamentazione della Blockchain è tra le cose positive fatte dall’UE»

24.Mag.2019 | Interviste

«Pensiamo anche alle cose positive che l’Unione Europea offre, non solo alle negative. Un esempio? La regolamentazione della Blockchain». A poche ore dalle elezioni europee, l’economista e professore universitario Antonio Maria Rinaldi spiega ancora una volta in che modo la tecnologia Blockchain cambierà il modo in cui pensiamo alla sicurezza e alla trasparenza dei dati: «Ogni transazione è incorruttibile e la sua registrazione su questa nuova tecnologia durerà per sempre. Questo significa – ha detto il professor Rinaldi – che se qualcuno, tra 10mila anni, vorrà controllare che cosa è accaduto oggi, potrà farlo solamente controllando le transazioni sulla Blockchain».

La certezza e la disponibilità dei dati non sono i due soli benefici che la tecnologia Blockchain offre, come ha spiegato il professor Rinaldi: «Assicura anche il rispetto della privacy e della relativa normativa. Ma per fare questo, è necessario che tutti gli stati membri dell’UE armonizzino la loro normativa. Questo è quello che l’Unione Europea ha fatto e ha intenzione di fare, e dobbiamo continuare su questa strada».